Seguimi su Libero Mobile

rss Inserisci il tuo indirizzo email:

Articolo Taggato "repubblica salentina"

Il 16 aprile a Lecce la 4° Giornata GPace dei Giovani per la Pace

Parleranno” al mondo attraverso il loro linguaggio ed il loro modo di “fare arte”,

comunicheranno la voglia, l’energia e la convinzione che “PACE SI PUO’!”

Tema di quest’anno:

la provocazione antirazzista del “Nascismo”

e l’Unità d’Italia

Prenderà il via alle ore 9 e proseguirà per tutta la giornata sino alle 19 di sabato 16 aprile nella centralissima piazza Sant’Oronzo di Lecce la Giornata dei Giovani per la Pace …e per l’Unità. Nella successione di eventi, questa quarta Giornata giunge dopo quella del 23 maggio 2009, in cui migliaia di giovani hanno realizzato la gigantesca Stella Umana di Pace, dopo quella del 14 novembre 2009 in cui è stata cucita la più Grande Bandiera della Pace del mondo e dopo quella dell’8 maggio 2010 in cui i ragazi hanno inscenato la protesta dei Poster Viventi contro l’abuso dei giovani come soldati.

A giudicare dalla grafica e dal programma in scaletta per questa quarta giornata, i ragazzi del gruppo “GPace – Giovani per la Pace” (www.gpace.net) hanno progettato una manifestazione che sarà ancora una volta un vero e proprio spaccato della loro realtà, fatta su misura per loro e per ciò cha amano di più. L’idea è quella di riunire in un unico luogo tante espressioni di creatività ed energia che, attraverso i linguaggi, i simboli e l’arte del loro tempo, urlino alla città, al territorio, al Paese e al mondo intero la loro grande convinzione che un pianeta senza guerre sia assolutamente possibile, oltre che dannatamente necessario.

Da dove nasce questa convinzione? Da un semplice dato di fatto, e cioè dalla constatazione che oggi, all’attuale generazione di giovani sembrerebbe a dir poco assurda ed impensabile l’idea di un conflitto contro i loro amici francesi, inglesi o americani, eppure per i loro nonni questa idea non è stata affatto assurda, l’hanno vissuta sulla loro pelle. Quindi sono bastati, in occidente, una trentina di anni per trasformare una realtà di guerra spietata in una sensazione di pace consolidata. E come è avvenuto qui da noi, così è possibile che avvenga anche in Africa, in Medio Oriente ed in tutte le aree che oggi sono in conflitto, con una sola differenza, che oggi può e deve avvenire più in fretta.

Ed è proprio questo il messaggio che i ragazzi vogliono lanciare riempiendo la piazza di suoni, colori, balli e movimenti il prossimo 8 maggio. Ci saranno dj-set con i più quotati vocalist e “maestri” della console (come Maurizio Macrì, Marco Guacci, Paolo Foresio, Max Del Buono, …) che pomperanno musica e creeranno la colonna sonora ideale di base per tutte le altre attività, ci saranno i writers, ossia gli artisti della bomboletta dell’Associazione “Officina Mentis” che realizzeranno in tempo reale dei pannelli coloratissimi in tema di pace e integrazione, ci saranno i rappers con brani propri e cover che con rime sincopate si esibiranno per i tantissimi amanti del genere, ci saranno i mitici breakers, gli amanti della break dance che a turno eseguiranno le loro mille acrobazie a suon di musica. Infine ci saranno i giovani, loro, i veri protagonisti, che parteciperanno all’iniziativa anche con un’arte propria, ossia indosseranno t-shirt con slogan e decorazioni realizzati da se stessi.

Leggi tutto

La 1a edizione del “Salento EcoDay” ha dato una grande lezione di civiltà

Tre studenti di Lecce lanciano l’idea e un esercito di “puliziotti” si sporca le mani

Una “pulizia” non fa primavera

…ma 1000 persone che puliscono qualcosa fanno

La 1a edizione del “Salento EcoDay” ha dato una grande lezione di civiltà

In questo weekend 1012 volontari hanno ripulito in 2 giorni 41 siti diversi

www.repubblicasalentina.it/ecoday

…la natura ringrazia!

Come un leone a cui viene tolta una spina dalla zampa, così la natura ieri e l’altro ieri ha ringraziato i “mille” e più che l’hanno liberata da depositi di plastica, lattine, vetro e cartacce, permettendole di nuovo di “respirare” a pieni polmoni e di ritornare ad avere un colore “naturale”.

In questo ultimo weekend, 26 e 27 marzo 2011, si è svolta la prima edizione del “Salento EcoDay”, un’iniziativa lanciata da tre studenti dell’Istituto Costa di Lecce appartenenti al movimento “Repubblica Salentina”: Pasquale Alemanno, Vincenzo De Lorenzo e Anastasia Pitotti. Hanno semplicemente fissato sul calendario una data e hanno diramato un comunicato sul territorio con un messaggio molto semplice: “Chiunque sente la voglia o la necessità di dare una mano nel pulire una qualsiasi area del territorio salentino, lo faccia in piena autonomia il 26 e 27 marzo, ce lo comunichi e ci invii le foto dell’intervento, noi pubblicheremo il tutto.”

Leggi tutto

Fissato per il 26/27 marzo il 1° Salento EcoDay

Azioni concrete abbinate alla campagna “Salento Libero …dai rifiuti”

Un fine settimana dedicato alla pulizia del territorio

Repubblica Salentina invita Comuni, associazioni, scuole, aziende

e gruppi di volontari ad effettuare interventi liberi di raccolta e pulizia

www.repubblicasalentina.it/bastarifiuti

Nell’ambito della campagna “Salento Libero …dai rifiuti”, il cui obiettivo è espresso molto chiaramente nel nome, i ragazzi di Repubblica Salentina lanciano la prima edizione del “Salento EcoDay”, un fine settimana in cui le persone si possono organizzare in gruppi e decidere di effettuare volontariamente un intervento, anche piccolo, di raccolta rifiuti e pulizia di una o più aree di pertinenza o nelle vicinanze del proprio Comune.

Gli organizzatori stanno invitando esplicitamente tutte le Amministrazioni Comunali del Salento (anche attraverso questo stesso comunicato) e tutte le Aziende che si occupano di raccolta rifiuti e bonifica ad aderire all’iniziativa, a fornire supporto logistico e a mettere a disposizione dei gruppi di volontari mezzi, materiali ed informazioni per far sì che gli interventi riescano nel migliore dei modi, quantitativamente e qualitativamente.

Ogni possibile ed immaginabile intervento di raccolta di materiali e di pulizia è benvenuta: margini di strade, campagne, periferie, pinete, coste, spiagge, ogni genere di location merita attenzione.

Pasquale Alemanno, Vincenzo De Lorenzo e Anastasia Pitotti, questi i nomi dei ragazzi di Repubblica Salentina che coordinano la campagna, pubblicheranno sul sito www.repubblicasalentina.it/bastarifiuti tutti gli interventi che saranno effettuati sul territorio, Comune per Comune, e pubblicheranno anche quei Comuni che non avranno aderito, in maniera tale da rendere visibili le Amministrazioni sensibili al problema e quelle che non lo sono.

L’appello e la “chiamata ai spazzoloni” è rivolta a tutti: enti, istituzioni, associazioni, proloco, scuole, classi, gruppi di volontari, e anche tutti i singoli cittadini che intendono dare il proprio contributo. Ogni singola azione sarà riportata sul sito web, con la chiara indicazione di chi ha operato e con la documentazione fotografica del “prima” del “durante” e del “dopo”.

I ragazzi sottolineano che non saranno loro ad organizzare gli interventi di pulizia, ma saranno i singoli gruppi locali (con l’augurato supporto del Comune delle aziende preposte al servizio) ad organizzare il tutto.

Già in questi ultimi mesi Repubblica Salentina è venuta a conoscenza di diversi interventi di pulizia realizzati spontaneamente da associazioni di volontari, e l’idea di istituire un “evento” come il “Salento EcoDay” serve principalmente a fissare sul calendario una data in cui potersi focalizzare sul problema e sentirsi un po’ tutti partecipi nel contribuire con azioni concrete alla salvaguardia di un territorio che “diciamo” di amare tanto.

Questo il motto del “Salento EcoDay”: Tutti per il Salento – Un Salento pulito per tutti!

Leggi tutto

“San Salentino”, la festa di chi è innamorato del Salento

Anche chi non ha una donna o un uomo può festeggiare il suo amore

14 febbraio: da quest’anno si festeggia anche

“San Salentino”, la festa di chi è innamorato del Salento

Una pagina su Fb e sul web con le dichiarazioni d’amore per la propria terra:

«Salento mio, ti amo e ti sarò sempre fedele, buon San Salentino»

Da oggi, anche chi non è sentimentalmente legato ad una persona ha un motivo più che valido per festeggiare il 14 febbraio, almeno per chi è salentino, infatti da quest’anno nella fatidica data degli innamorati si festeggia per la prima volta anche San Salentino, la festa di chi è innamorato del Salento.

Leggi tutto

Facebook è solo un passatempo? Al Costa di Lecce un progetto per utilizzarlo nell’insegnamento

Un pc gratuito per gli studenti e un caso moderno di “montagna” che va da “Maometto”

Facebook è solo un passatempo?

Al Costa di Lecce un progetto per utilizzarlo

nell’insegnamento di informatica, inglese e scienze turistiche

Mentre le altre scuole gridano allo scandalo, la scuola leccese studia

e sperimenta le potenzialità di Fb con il progetto “FaceNoteBook”

Lezioni di Html ai giovanissimi delle medie, gruppi privati e chat con studenti inglesi

e marketing del turismo sono le prime sperimentazioni del progetto

Molti docenti “tradizionali” arrivano persino a scandalizzarsi nel sentir parlare del binomio “scuola – facebook”, ancora una volta, quello che non si conosce, fa paura. Eppure le potenzialità didattiche offerte dai social network possono essere tante, diversificate ed efficienti. Lo sanno bene i docenti e lo sanno bene anche gli studenti dell’Istituto Tecnico Economico per l’Informatica e per il Turismo “Costa” di Lecce che già da due anni effettuano sperimentazioni con gli strumenti offerti da questi nuovi “luoghi” di comunicazione sociale.

Il nuovo progetto in cantiere si chiama “FaceNoteBook – Il Social Classwork” e prevede un notebook, un computer portatile, in comodato gratuito agli studenti per tutto l’anno (a questo proposito è stata richiesta la collaborazione di alcune importanti case costruttrici), da utilizzare in classe durante alcune ore di lezione e da portare a casa, per fare i compiti, tutto rigorosamente on-line e connessi, tra loro ed il mondo. E’ un progetto tanto ambizioso quanto accattivante ed innovativo che ha come comun denominatore proprio l’uso di Facebook. La prima fase del progetto prevede tre sperimentazioni:

  • l’insegnamento delle basi del linguaggio Html agli studenti di terza media da parte di docenti e studenti del Costa;
  • l’approfondimento della comprensione e della scrittura in lingua inglese attraverso connessioni in tempo reale con classi di studenti inglesi;
  • l’uso del social network quale strumento innovativo di marketing per la promozione turistica del territorio.
Leggi tutto

Un’idea originale: un Comune virtuale che offre servizi reali ai suoi “abitanti”

Nasce “Salèntide”, un Comune Virtuale

creato dagli studenti del Costa di Lecce

e “abitato” da salentini che vivono fuori dal Salento

Come la mitica isola di Atlantide ospitava i figli di Atlante,

così Salèntide raccoglie tutti i figli del Salento lontani dalla propria terra

E’ il Comune il n° 259 della Puglia, il n° 8.102 dell’Italia, sta nascendo ora e si chiama “Salentide” (si legge con l’accento sulla “e”), in assonanza con “Atlantide”. Mentre la mitologica isola narrata da Platone aveva per abitanti i figli di Atlante, questo nuovo comune creato dagli studenti della classe 4B dell’Istituto Costa di Lecce ha per abitanti i tantissimi figli del Salento che per lavoro o per studio sono costretti a vivere lontani dalla propria terra d’origine. Certo, è un comune virtuale, nel senso che non ha mura fisiche, ma i suoi “abitanti” sono reali, e sono anche tantissimi.

Il Comune virtuale di Salentide vivrà sul web, avrà un sito in Internet attraverso il quale erogherà servizi reali ai cittadini. Tra questi ci sarà la piazza virtuale in cui in ogni ora del giorno i cittadini potranno comunicare tra loro, anche se vivono a migliaia di chilometri di distanza (come sta già avvenendo da oltre un mese attraverso un gruppo su Facebook). L’altro importante servizio reale sarà l’anagrafe, con i dati ed i “luoghi” (di origine e di lavoro) di tutti i cittadini. E non saranno certo trascurate le attività che le persone svolgono nelle varie destinazioni, con un occhio particolare alle attività commerciali ed imprenditoriali condotte da salentini che vivono all’estero o nelle altre regioni italiane, a queste ultime gli studenti promettono di dare persino una mano in termini di visibilità e di crescita del numero di potenziali clienti.

Leggi tutto