Seguimi su Libero Mobile

rss Inserisci il tuo indirizzo email:

INTEGRA partecipa alla “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne” e organizza un convegno per parlare di Stalking.

Ci sarà anche Integra, con la sua Presidente Klodiana Cuka, oggi 25 novembre alla fiaccolata organizzata dall’Assessorato alle Pari Opportunità della Provincia di Lecce in collaborazione con la Commissione Pari Opportunità del Comune di San Cesario nell’ambito della “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”.

Il corteo, che partirà alle ore 17:00 da Piazza S.Oronzo e si snoderà per le vie del centro storico fino ad arrivare in Piazza Mazzini, sarà arricchito anche dalla presenza di alcuni manifesti, realizzati da ragazzi dell’Accademia di Belle Arti, che raccontano 25 storie di donne vittime di violenza.

Già dal momento della sua costituzione, Integra ha fatto proprio l’obiettivo, cui mira la manifestazione di domani, di sensibilizzare la pubblica opinione sulla necessità di contrastare ogni forma di violenza e contribuire alla diffusione della cultura delle pari opportunità. Lo farà anche sabato 27 novembre p.v., sempre nell’ambito delle iniziative legate alla “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”, con l’organizzazione ad Acquarica del Capo del Convegno Stalking: quando l’attenzione diventa ossessione”.

L’evento, organizzato in collaborazione con MNC – Movimento Nazionale Nuovi Cittadini, I.S.P.A. – Istituto Superiore di PubblicaAmministrazione, ASPCC – Accademia delle Scienze psico-criminologiche e criminalistiche e con il patrocinio del Comune di Acquarica del Capo, affronterà un tema di grande attualità e, purtroppo, di grande diffusione su cui solo di recente si sta avendo la giusta attenzione.

Ne parleranno nel Palazzo medioevale di Acquarica del Capo in Piazza S.Carlo il Dott. Andrea Feltri, criminologo e la Dott.ssa Tiziana Micello, psicologa.

In merito alle iniziative e ai temi legati alla “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne” si è espressa la Presidentessa di Integra Klodiana Cuka: “Quello della violenza sulle donne è un fenomeno culturale, frutto dello squilibrio tra i sessi, ancora molto forte anche nella nostra Regione. La causa del conflitto va ricercata soprattutto nel divario tra il modello patriarcale su cui continua a reggersi la società italiana e le attuali pratiche di vita delle donne, che hanno messo in discussione quel modello di società.

Le soluzioni, a mio avviso,  non possono essere pertanto solo di tipo repressivo ma è necessario ampliare gli spazi di autonomia e libertà delle donne, educare gli uomini al rispetto, sostenere le coppie nelle fasi della separazione e nelle crescenti difficoltà ad affrontare la difficile condivisione dei compiti domestici e di cura, correggere le distorsioni istituzionali che ancora impediscono il pieno riconoscimento dei diritti delle donne, dare loro maggiore rappresentanza. Restano comunque numerosi gli episodi di violenza che si consumano tra le mura domestiche e dei quali non si ha sempre notizia. E’ chiaro che una comunità responsabile ha il dovere di fornire alle donne i mezzi per denunciare gli aggressori e i mezzi per tutelarsi, ma bisogna avere chiaro che queste misure benchè indispensabili e necessarie purtroppo non risolvono da sole il problema perché non incidono sulle cause culturali della violenza.”

Ufficio Stampa

328.1333598

ufficiostampa@integraonlus.eu

Scrivi un commento